.

.
ARRIVEDERCI AL PROSSIMO ANNO?

domenica 5 febbraio 2017

ZUNGOLI - ASD GRECI 1-4

Setti punti in sette giorni..il risultato della dieta ingrassante per la classifica del Greci che vince nella terza partita settimanale su un campo ostico, molte presenze sugli spalti e contro una squadra coriacea che seguiva il Greci di solo due punti.
Senza Mister Martino in panchina per questa sfida, il Greci scende in campo senza l'atteggiamento giusto e lo paga perchè, complice anche il terreno di gioco "non in perfette condizioni"  il primo tempo è quasi inconcludente un po' per entrambe: la differenza la fa un autogol del grecese Cocca che su una punizione da centrocampo , nel tentativo di fare la diagonale tocca la sfera, prendendo il tempo al portiere Barbato che viene spiazzato dal tocco che dà 1-0 allo Zungoli.

La ripresa un po' grazie ad alcuni episodi e cambi tattici, come l'inserimento della punta Fresegna al fianco di Cutillo e lo spostamento in regia del neo acquisto Vincenzo D'Angelo (esordio per lui), è tutta un'altra musica. Ingresso in campo anche per il capitano Mottola , oggi in panca, al posto dell'infortunato Molinario.

Inizio veemente del Greci che prende le misure ai rimbalzi irregolari del terreno e inizia a giocare in verticale , conquistando un rigore sacrosanto trasformato dall'ormai bomber Andrea Panzetta per 1-1.
Poi due episodi chiave che indubbiamente svoltano l'andamento della gara che però il Greci aveva già iniziato a prendere in mano.
Prima c'è un break dello Zungoli su un'azione grecese con ripartenza e palla per la punta locale atterrata dal difensore Grasso. Rigore con palla alle stelle.
Poi un fallaccio gratuito a gioco fermo su Pucci costa il rosso ad uno zungolese.

Qui il Greci capisce che deve osare e inizia a prendere coraggio.
Il gol arriva su punizione del neo acquisto D'Angelo che impreziosisce il valore della squadra , non solo con tocchi di altra categoria ma anche con un gol con la complicità del portiere zungolese che salta prima sul suo tiro piazzato e si fa superare dalla sfera. 1-2.

Il gol della sicurezza è una perla per qualità dell'azione e movimenti dei giocatori: da Pucci a Vincenzo Panzetta che crossa per il velo di Fresegna che favorisce il movimento ad inserirsi di Cutillo per l'1-3.

Il Greci si gasa e continua a macinare gioco , sfiorando due volte il gol con l'ottimo Cardinale (uno  su tiro diretto su rinvio errato del portiere che esce di un soffio) e una volta con Cutillo.

Il gol del sigillo è della punta tascabile Bevilacqua che entra al posto di Cutillo e al primo lancio non si fa pregare a sfruttare le sue doti di contropiedista per seguire l'azione ed insaccare la rete dell' 1-4.

A gara ormai finita e col Greci sempre a far circolare la palla , sale un po' di nervosismo in un calciatore locale che anticipa i compagni per la doccia e si fa espellere .

Un'importante vittoria: nemmeno il tempo di esultare che mercoledi c'è un altro campo ostico (Carife) che atttende i biancocelesti per un altro recupero di campionato.

0 commenti:

Posta un commento