.

.
ASD GRECI vi invita a : ASD GRECI - PANNI (6 MAGGIO, ORE 16.30 ALLO STADIO RENZULLI DI ARIANO I.)

lunedì 7 maggio 2018

Asd Greci - Asd Panni 3-2

Un tourbillon di emozioni questo anticipo di play off vinto meritatamente dal Greci.
Ormai mister Petralia, abituato all'emergenza,  fa di necessità virtù inventando ogni domenica formazioni nuove con bomber Fresegna out (a cui tutta la squadra dedica questa e speriamo...altre tre vittorie) , Panzetta che si sta scaldando ai box, capitan Pucci e Corsano febbricitanti ...oltre i lungodegenti.
Nel primo tempo il Greci ha la fortuna di passare in vantaggio per un errato disimpegno del portiere foggiano su cross di Norcia e con la sfera vagante è facile per Marco Albanese mettere dentro il vantaggio.
A questo colpo di fortuna fa da contraccolpo qualcosa di mai visto (3 pali della punta grecese Cartanese in pochi minuti su punizione, tiro violento e tocco a scavalcare di esterno...) che fanno capire come sarebbe stata dura la giornata ; infatti puntualmente alla prima mischia in area , la palla resta ferma nelle sabbie mobili e un pannese la insacca alle spalle dell'incolpevole Manganiello.
Si chiude in parità la prima frazione che si riapre col nuovo vantaggio del Greci sempre con Marco Albanese che da solo crea e finalizza il 2-1 con un'azione di accentramento e tiro dalla distanza sotto l'angolino. Il Greci non chiude la gara con un tiro di Cartanese (di destro, non il suo piede preferito) e il Panni ritrova le forze sfruttando la fisicità di molti calciatori per creare situazioni pericolose in area  e in una di queste trova il 2-2 con la sfera "rimasta nelle secche" come in occasione della prima rete.
Per fortuna il Greci non si smarrisce e col forcing finale prima getta le basi per il definitivo vantaggio con un tiro di Cutillo (entrato prepotentemente in partita  dalla panchina a metà ripresa) che sfiora e il palo , poi  trov....erebbe il gol con un colpo di testa vincente di Loris annullato per una presuntissima carica al portiere , poi finalmente convince anche l'arbitro a convalidare il 3-2 con una botta a fulmicotone  su assist di Florido, ormai battezzato terzino ma che il tocco non lo dimentica quando si getta in avanti.

Per questa vittoria assolutamente meritata  menzione di merito a tutti, ai bomber, allo sfigato Cartanese che ha litigato coi legni, ma in particolare a Molinario dietro e Ardito ,motorino instancabile sulla fascia , mancato tantissimo a Grotta. Lavoro, entusiasmo e fortuna ...questo serve al Greci.

lunedì 30 aprile 2018

Lions Grotta - Asd Greci 2-0


La storia non cambia: sarà sfortuna (sei potenziali titolari assenti e qualcuno mancherà anche ai play off), sarà che la squadra difetta caratterialmente e non gioca mai con tranquillità nelle gare importanti, sarà che gli avversari erano più scafati, marpioni e frequentatori di categorie superiori,  ognuno può cercare una motivazione; ma il risultato incontrovertibile è che il Greci ha raccolto 1 punto su 12 contro La Rocca e Lions Grotta e i numeri non mentono mai.
Nella prima frazione i biancocelesti di Mister Petralia hanno sofferto molto ma hanno retto lo 0-0; si sono distinti (guarda caso) i calciatori più carismatici in un match combattuto ma tutto sommato corretto: bene il grintoso Corsano con Molinario, Macchione dietro e lo schermo costituito da capitan Pucci e Cardinale a loro protezione; purtroppo assai meno bene sotto tutti gli aspetti la fase offensiva dove la mancanza del gioco sporco, soprattutto aereo del centravanti Fresegna (per lui stagione finita) si è percepita da subito.
Come detto meglio i Lions di Grotta che hanno preso campo sfruttando fisicità, esperienza e la poca compattezza dei biancocelesti; i locali hanno abusato sui piazzati non precisi di poco, in una di queste circostanze capita una nitidissima con un bolide incredibile su punizione che ha fatto tremare la traversa. La difesa del Greci, anche con un intervento del portiere De Paola, ha fatto il suo tenendo la porta inviolata, purtroppo in fase offensiva è mancato il cinismo nell’azione che avrebbe spaccato l’inerzia della gara: genialata di tacco di capitan Pucci che diventa un filtrante per Boscia che, avendo due opzioni, fra tiro da posizione defilata e cross per Cutillo in bella posizione in area, sceglie la seconda ipotesi ma la punta dopo una corsa estenuante la colpisce male e la svirgola col portiere grottese che più che pregare non avrebbe potuto fare.
Nella ripresa il Greci fa una vera azione sempre di rimessa, ma viene meno l’ultimo passaggio con capitan Pucci che invano si era inserito in area; il Grotta cala di intensità rispetto alla prima frazione e paradossalmente quando lo 0-0 sembrava essere alla portata del Greci giunge la beffa: verso il 70’ un tiro da fuori area colpisce in maniera fortuita Macchione e va a terminare la sua corsa all’angolino.
Una vera mazzata sui denti questo autogol perché le punte grecesi a quel punto del match erano ormai alla frutta fisicamente e non c’erano forze e qualità per imbastire manovre per giungere al pari: la squadra ha provato a giocare sulle mischie ma senza esiti e, come spesso capita quando la squadra che soccombe si getta all’arrembaggio, giunge nel finale il 2-0 di rimessa con un ribaltamento di campo.
Virtualmente il secondo posto è passato in mano alla squadra grottese: i tanti ragazzi in squadra che lo scorso anno erano a S. Sossio dovranno trovare le forze interiori per rimettersi in marcia e cambiare insieme a mister Petralia il finale.
Il momento quindi non è di quelli belli, ma è in questi frangenti che si vede la forza e la maturità di un gruppo.
 La stagione regolare non dà respiro e ora propone un altro anticipo di play off: arriva il Panni nel prossimo turno contro il quale il Greci ha tradizionalmente sofferto e nel match di andata ha perso (in maniera immeritata a dirla tutta), subendo soprattutto l’approccio fisico dei foggiani al match.
 L’esperienza deve pur insegnare qualcosa. Si attende la reazione; necessariamente.